LATINA – 09 GEN – Una relazione complicata, costellata  da continui litigi e scatti d’ira. L’epilogo nelle scorse ore quando una donna di 46anni, armata di coltello, e ubriaca, ha aggredito il marito. Poi, all’arrivo della polizia, si è rifugiata in un appartamento di un altro condomino nel palazzo in cui abita, in Via Vetiche a Latina.

La 46enne di origine rumena, è stata arrestata dagli agenti della squadra Volante della Questura: il marito, vittima dei maltrattamenti è un 48enne italiano.

Una volta rintracciata la donna – dicono ancora i poliziotti – si è gettata a terra iniziando a dare testate sul pavimento e ferendosi anche ad un occhio. Poi, alla presenza dell’anziano condomino che l’aveva ospitata nonché del figlio di quest’ultimo e del personale del 118, ha  minacciato i sanitari di denunciarli per averla malmenata.

In relazione alla lite familiare, il marito ha riferito i poliziotti che la donna, in evidente stato di ebbrezza alcolica, lo aveva atteso al ritorno dal lavoro, e dopo averlo insultato lo aveva aggredito col coltello da cucina, il tutto alla presenza del figlio minore della coppia, impaurito e piangente. E i litigi erano ormai frequenti anche perché  – ha riferito il marito – la donna faceva uso di farmaci e di sostanze alcoliche.

Una volta tranquillizzata, la donna, accompagnata presso gli uffici della Questura, è stata arrestata per maltrattamenti in Famiglia. Le sono stati concessi i domiciliari.