LATINA – 16 SET – Come ogni fine settimana la Questura di Latina ha messo in campo una serie di servizi straordinari di controllo del territorio per innalzare gli standard di sicurezza, reprimere i reati e prevenire i fenomeni di criminalità diffusa su tutta la provincia. Interventi nelle zone della movida e sulle strade laddove si concentra principalmente il traffico del weekend, ma anche verifiche del rispetto delle prescrizioni come domiciliari o obblighi di firma.

            A Latina un 48enne è stato arrestato per lesioni e maltrattamenti in famiglia. L’uomo ha picchiato la convivente fino all’arrivo della polizia che ha evitato il peggio e per lui si sono aperte le porte del carcere di Via Aspromonte. A Terracina un 24enne è stato trovato fuori dalla propria abitazione malgrado fosse ai domiciliari, per lui sono scattate le manette. A Formia invece quattro persone sono state denunciate per interruzione di pubblico servizio: i quattro, tre uomini ed una donna, sono stati raggiunti dagli agenti del commissariato dopo la chiamata per una lite all’interno della stazione ferroviaria.

            A Latina un 38enne rumeno è stato denunciato per aver rapinato un cellulare ad un suo connazionale, mentre nei controlli presso il quartiere Nicolosi per un ucraino 30enne è scattata la denuncia per false dichiarazioni sulla propria identità. A Cisterna a finire nei guai sono stati due rumeni di 45 e 44 anni denunciati per minaccia a seguito della querela sporta da un cittadino ed infine a Gaeta un 30enne ed un 27enne entrambi casertani sono stati denunciati per lesioni e minacce dopo aver picchiato un uomo. I motivi del pestaggio sono ora al vaglio degli investigatori.

            In totale nei servizi del weekend sono state identificate 213 persone, controllate 51 sottoposte ad obblighi, effettuati 13 posti di blocco con 39 contravvenzioni su 101 veicoli controllati, ritirate cinque patenti e tre carte di circolazione.