FROSINONE – 26 MAG  – È il giorno della verità. Alle 7 si sono aperte le cabine elettorali dove i cittadini della Provincia di Frosinone e di Latina stanno votando per le Europee e le Comunali.

In entrambi i territori alle 12 le percentuali delle affluenze sono in aumento rispetto a quelle registrate nel 2014.

            A Frosinone il 16.89% rispetto il 14.66%. A Latina 16.07% rispetto al 14.71%.

            Il caso più eclatante è rappresentato dalla città di Cassino dove nel 2014 si registrava il 11.49% di votanti, oggi alle 12 ben il 24.89%. La differenza è che 5 anni fa non si votava anche per scegliere il sindaco. Infatti, le comunali c’erano state nel 2016, ma i cassinati tornano alle urne dopo la caduta del governo D’Alessandro. Dalle 7 alle 12 hanno votato 7.384 sugli oltre 31mila aventi diritto. Ovvero il 23.42 %. rispetto al 23.02% del 2016.

            Caso opposto ad Anagni e a Cisterna di Latina dove si registra un meno 10%.

            Sono diversi i comuni chiamati al rinnovo del sindaco e del consiglio comunale: ben 39 comuni in provincia di Frosinone e 7 in provincia di Latina.

            Le urne chiuderanno alle 23. In Ciociaria le uniche due città al voto sopra i 15 mila abitanti sono Cassino e Veroli. In questi due centri si andrà all’eventuale turno di ballottaggio domenica 9 giugno, nel caso in cui uno dei candidati non dovesse raggiungere il 50%+1 delle preferenze al primo turno.

            Lo spoglio delle schede per le comunali comincerà lunedì 27 maggio alle 14. In totale sono 101 i candidati per diventare primo cittadino nei vari centri del territorio ciociaro. Mentre lo spoglio delle europee avverrà domenica sera alle 23, subito dopo la chiusura delle urne.