NETTUNO – 08 GIU – Un bambino di 2 anni è morto a Nettuno cadendo nello stagno del giardino che circonda la villa dei nonni materni in via Santa Marinella. 

Secondo la prima ricostruzione della polizia il piccolo Nicolò Perniconi era con la nonna Vittoria e la mamma Graziella.

Avevano fatto colazione un veranda, nella parte opposta all’ingresso della villa. Poi le due donne sono rientrate in casa per pochissimi minuti: la nonna doveva fare una medicazione su un dito. Nicolò è rimasto a giocare.

Per impedirgli di allontanarsi, hanno chiuso il cancelletto che immette al giardino e messo due sedie davanti.

Invece il bimbo è riuscito a farsi strada, ha preso un retino e raggiunto il laghetto per prendere qualcuno dei pesciolini che nuotavano all’interno.

Pochi istanti. Ma quando la mamma e la nonna sono tornate in veranda e non lo hanno trovato: Nicolò era già annegato, cadendo a faccia in giù nel laghetto, grande circa tre metri. Hanno provato a rianimarlo insieme al papà, rientrato proprio in quel momento.

In pochi minuti, sul posto è intervenuta la polizia, con i vigili del fuoco ed il 118. I sanitari hanno tentato invano anche loro di rianimare il piccolo. Tutto è stato inutile.

Stanno indagando gli investigatori del Commissariato di Anzio. La salma è stata messa a disposizione dell’autorità giudiziaria.