PIEDIMONTE – 23 LUG – E’ morto prima di essere trasferito a Roma come disposto dai medici che lo hanno soccorso, a terra, lungo la consortile che costeggia lo stabilimento Fca di Piedimonte san germano. Roberto Sandirocco, 31enne di Pontecorvo, non ce l’ha fatta. E’ morto lunedì sera a seguito delle ferite riporate dallo schianto contro un tir.

Da una prima ricostruzione dei fatti, il 31enne era in sella ad uno scooter, il suo  TMax, quando, per cause in fase di accertamento dei carabinieri di Cassino intervenuti, si è scontrato contro il mezzo pesante intento in una manovra per fare ingresso nello stabilimento Fca.

Sul posto subito è giunta un’ambulanza che ha trasferito Roberto al santa Scolastica di Cassino mentre i medici ne disponevano il trasferimento all’Umberto I di Roma. L’eliambulanza però non è mai partita dal nosocomio cassinate, dove Roberto è arrivato esanime.

Appassionato di due ruote, meccanico di professione e musicista per passione, Roberto  Sandirocco era molto conosciuto nel cassinate, soprattutto per la sua passione per la tastiera con cui si esibiva insieme ad altri amici, compagni di band.