PIGLIO – 14 AGO – E’ stato il bambino della coppia a chiamare i carabinieri e a richiedere il loro intervento perché in casa, a Puglio, il papà stava picchiando la mamma.

Un’altra storia di maltrattamenti in famiglia quella che arriva dalla ciociaria ed ancora una volta le violenze sono consumate davanti agli occhi dei bambini. Ed è stato proprio il figlio dei due che è riuscito a scoprire il vaso di Pandora richiedendo l’intervento del 112. Ai carabinieri la donna ha raccontato che quello non era il primo episodio di maltrattamenti ma che quelle violenze si perpetravano da tempo e spesso erano causate dall’abuso di alcol e droga da parte del marito, un 47enne di Piglio.

L’uomo tra l’altro era ben noto alle forze dell’ordine per precedenti per droga, lesioni personali e guida sotto l’effetto di alcol.

All’arrivo dei militari l’uomo stava allontanandosi da casa con una lama di 20 centimetri che i carabinieri della stazione di Piglio hanno sequestrato.

E mentre la donna trovava il coraggio per la prima volta di denunciare e di farsi medicare le ferite provocate dall’ennesime botte, il suo aguzzino, il compagno di una vita veniva arrestato per “maltrattamenti in famiglia continuati e porto abusivo di armi o oggetti atti ad offendere”.