LAZIO – 15 DIC – Seicento euro al mese: 280 per partecipare a corsi di formazione, 120 per l’acquisto di beni e attività culturali e 200 in denaro, spendibile tramite la carta. E’ così suddivisa la somma di 600 euro al mese che fa parte di “Riesco”, il reddito di inclusione dedicato ai giovani tra i 18 ed i 29 anni del Lazio che rientrano nella categoria dei cosiddetti Neet. Si tratta dei ragazzi che non studiano, non lavorano e neanche sono iscritti a percorsi di formazione.

            Il progetto, interamente finanziato dall’Unione Europea, è rivolto a 5000 giovani che vivano nel Lazio da almeno sei mesi. I requisiti sono: un Isee non superiore a 15mila euro, disoccupazione, non iscrizione a percorsi formativi, scolastici, di orientamento, università e non partecipazione ad altre iniziative finanziate da fondi europei. L’iniziativa verrà attuata tramite la carta “Riesco”.

            Ma come funziona l’iniziativa? Innanzitutto bisogna partecipare ai progetti di orientamento e formazione: la frequenza a questi corsi permette poi la possibilità di acquistare libri, ingressi a teatro, mostre, musei ed altri eventi. Così come la partecipazione ai corsi sarà vincolante per ricevere i 200 euro cash. Le risorse saranno corrisposte in proporzione all’impegno nei corsi formativi: più ore di corso si faranno e più risorse si riceveranno. Le domande si potranno presentare fino al 10 gennaio sul sito della Regione Lazio.