ROCCASECCA – 09 FEB – Nessun lavoratore della Ideal Standard di Roccasecca verrà lasciato a casa se la compravendita andrà a buon fine. E’ questa la rassicurazione, che assume il carattere di certezza, contenuta all’interno del piano di Saxa Gress. La trattativa prosegue in maniera serrata e secondo il piano presentato dall’azienda pronta a rilevare il sito di Roccasecca, l’occupazione all’interno dello stabilimento rimarrà invariata, e soprattutto tutti gli operai continueranno a lavorare nella produzione della ceramica.

            I selci che verranno prodotti, dove prima si producevano sanitari, continueranno ad avere una base ceramica e quindi non varierà la tipologia degli impianti che dovranno effettuare le lavorazioni. Superato anche l’unico vincolo che Ideal Standard aveva posto per chi subentrava: non saranno accettati infatti imprenditori che producono sanitari. E Francesco Borgomeo, l’imprenditore con soci finanziari che crede nell’economia circolare pronto a subentrare, non ha alcuna intenzione di produrre water, lavandini e bidet.

            Saxa Gress a Roccasecca realizzerà un prodotto unico al mondo, quei selci infatti che verranno utilizzati nei mercati mondiali, non hanno precedenti nell’industria europea. Il tutto affiancato invece alla pavimentazione in gress, con mattoni in spessorato da 4cm, che verranno concentrati nella produzione all’interno del sito di Anagni, dove Saxa ha già fatto ripartire l’occupazione nello stabilimento della ex ceramiche Marazzi.

            L’ultima parola ora però spetta a chi dovrà apporre le firme sul compromesso di vendita, per scrivere la parole fine su una storia che, da un vicolo cieco si sta trasformando in una nuova strada piena di opportunità per 330 famiglie e l’intero tessuto sociale del basso Lazio.