ROCCASECCA – 31 GEN – Siamo in dirittura d’arrivo: queste le indiscrezioni che trapelano questa mattina dal ministero dello sviluppo economico dove ieri sera il ministro Calenda ha incontrato per la seconda volta in 24 ore la dirigenza Ideal per individuare una soluzione che salvaguardi lo stabilimento di Roccasecca e con esso il livello occupazionale del cassinate. L’accordo dunque appare più che vicino. E d’altronde lo stesso capo del dicastero aveva lasciato ben sperare martedì rispondendo via twitter ad un operaio di Roccasecca che sul social chiedeva lumi sulla vertenza. Nel tweet Calenda ha rivelato di aver incontrato la proprietà  lunedì e che l’avrebbe incontrata di nuovo martedì sera.

Mercoledì mattina altre parole positive escono dal palazzo ministeriale. Resta un nodo ancora da sciogliere. Se l’accordo dovesse concretizzarsi, se cioè la multinazionale lascerà il sito nella condizione che qualche altro imprenditore possa rilevarlo  per un altro progetto industriale, il territorio – evidenzia Sandro Chiarlitti segretario Filctem Cgil – dovrà rispondere in modo celere e sinergico. Dalle autorizzazioni, alle bonifiche, dalle ristrutturazioni, alle infrastrutture: ogni attore che può avere un ruolo per favorire la riconversione e lo sviluppo di tutta l’area deve mettersi in discussione e fare la propria parte. Intanto entro le prossime ore  si attende una nota ufficiale da Roma dove questa mattina sono giunti circa 100 operai dell’Ideal accolti da Papa Francesco.