ROMA – 10 MAG – “Noi pensiamo che i rifiuti urbani residui di Roma Capitale debbano essere smaltiti perlomeno, nel territorio metropolitano di Roma Capitale, anche considerando che Roma Capitale ha il territorio comunale più vasto d’Italia. Non è una polemica politica, è rispetto della legge”. Lo ha detto l’assessore ai Rifiuti della Regione Lazio Mauro Buschini, intervenendo al Consiglio regionale. “Si deve essere riconoscenti verso tutti quei cittadini, quei comuni e quelle province che in questi mesi stanno aiutando Roma a non cadere nell’abisso, ma non si può pensare che quella solidarietà sia eterna e dovuta – ha aggiunto – Noi abbiamo avviato un confronto con Roma teso ad avere la loro programmazione, il quadro di investimenti, il modello organizzativo di raccolta e smaltimento. Abbiamo più volte discusso con gli assessori. Roma ci descrive un quadro rispetto al quale si vuole puntare soprattutto sulla differenziata, il riciclo e il riuso e una programmazione che porta nel 2021 Roma a raggiungere il 70 per cento di differenziata. In questo quadro – prosegue Buschini – mi sono permesso più volte anche pubblicamente di rilevare che considerando il sogno della differenziata al 70 per cento realizzabile col concorso di tutti c’è un buco tra oggi e il 2021 che è la gestione ordinaria e quotidiana, che necessita di iniziative, impiantistica e scelte condivise che la Regione può sostenere, ma non possono non partire da una pianificazione di Roma Capitale”.