ROMA/FROSINONE – 16 NOV – Avevano colpito in tutto il centro Italia e tra le zone più battute dalle loro potenti Audi c’era la Ciociaria. I poliziotti del commissariato Aurelio di Roma hanno smantellato una banda di albanesi dedita a furti e rapine in villa, con un’operazione che si è conclusa con sei arresti e nove denunce a piede libero. Le misure cautelari sono state eseguite tutte nella zona sud est di Roma, tra i quartieri di Tor Bella Monaca e Ponte di Nona, dove la banda aveva le basi all’interno delle case popolari.

            I ladri entravano in azione nelle ore serali e notturne, partivano da Roma e raggiungevano gli obiettivi, rubando soldi ed oggetti preziosi, oltre ad auto di grossa cilindrata. Decine i colpi messi a segno, con la Ciociaria come territorio più vicino e quindi più battuto dalla banda. Fatto questo che fa il paio con le decine di avvistamenti di potenti Audi proprio nei pressi dei luoghi in cui si erano consumati furti in provincia di Frosinone. Il gruppo, dice la polizia, era di veri e propri professionisti che in un solo inverno sono riusciti ad incamerare circa 1 milione di euro.

            In un’occasione, in provincia di Frosinone, la banda forzò un posto di blocco con l’auto che andò completamente distrutta. La banda privilegiava l’utilizzo di Audi con allestimenti sportivi, quindi molto performanti. Durante l’indagine sono state sequestrate una decina di Audi rubate, ma anche refurtiva, in particolar modo orologi e gioielli.