ROMA – 24 GEN – Nominare un commissario per gestire e portare a termine la transizione tra vecchie e nuove province in Italia. E’ quanto ha chiesto, in qualità di presidente dell’associazione nazionale dei comuni, Antonio Decaro, sindaco di Bari. La richiesta è stata formalizzata nei giorni scorsi dall’associazione al governo Gentiloni.

            Il motivo è sempre lo stesso, quello cioè a cui si trovano a far fronte anche le province di Frosinone e di Latina. La riforma è infatti incompleta, le funzioni non sono state ancora totalmente cambiate e le risorse sono sempre meno. “Le Province e le Città metropolitane – ha rilevato Decaro – sono state oggetto di una riforma ancora incompleta perché, a fronte di una riduzione delle risorse economiche, continuano a svolgere impropriamente funzioni che invece dovrebbero essere trasferite alle Regioni e allo Stato”.

            Molte delle funzioni su cui ancora operano le amministrazioni non sono più di loro competenza, ma soprattutto non possono essere più svolte in quanto non ci sono fondi, né risorse umane. “Il paradosso che si crea – conclude Decaro – è quello di distrarre fondi dalle funzioni fondamentali come la manutenzione delle scuole e delle strade. Molte Province gestiscono le stesse funzioni di prima con meno risorse”.