SAN GIORGIO – 19 OTT – Un duro colpo al mercato dello spaccio quello inflitto dalla Polizia di Cassino, che ha passato al setaccio tutto il territorio di sua giurisdizione: un 30enne con un chilo di marijuana è finito in carcere. Si tratta di un cittadino del Gambia e nell’ambito della stessa operazione anche un tunisino è stato denunciato per spaccio di droga.

I controlli sono scattati mercoledì, in mattinata. Gli agenti del commissariato di Cassino con l’aiuto delle unità cinofile hanno fatto scattare i controlli  nei luoghi da tempo individuati e frequentati in particolare dagli spacciatori. Nel mirino, come detto, non solo la città Martire, ma anche i paesi limitrofi e proprio a San Giorgio a Liri è stato scoperto l’ingente quantitativo di droga.

I poliziotti hanno notato il gambiano aggirarsi con fare sospetto nei pressi di un casolare, nelle campagne di San Giorgio a Liri. L’uomo non appena visti gli agenti ed ha cercato di allontanarsi. I poliziotti hanno finto di non vederlo spostando le attenzioni sul casolare, lo straniero prima di fuggire ha nascosto uno zaino.

Era tutto calcolato, gli uomini del Dott. Tocco avevano previsto questa mossa: nello zaino c’erano infatti  un chilo e 110 grammi di marijuana ed un bilancino di precisione, il 30enne è stato prontamente bloccato ed arrestato. Nella rete dei poliziotti è finito anche un tunisino di 45anni, denunciato sempre per spaccio di sostanze stupefacenti, perchè trovato in possesso di alcuni grammi di marijuana durante un controllo nel centro di Cassino.