ZAGAROLO – 17 MAG – Una lite tra zio e nipote che finisce nel sangue. È successo, giovedì sera a Zagarolo in località Valle Martella. Erano da poco passate le 22, quando i carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Frascati hanno arrestato per tentato omicidio una donna italiana di 37 anni, che aveva poco prima ferito con un coltello lo zio 51enne.

A dare l’allarme sono stati i vicini preoccupati per le urla provenienti dall’appartamento dove vivevano zio e nipote. All’arrivo dei militari, l’uomo, completamente sporco di sangue e con evidenti ferite, era stato già adagiato sulla barella di un’ambulanza del 118 e la donna era in casa e quindi subito bloccata.

Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri, a seguito di un’ennesima lite familiare, la donna avrebbe aggredito, con un coltello da cucina, lo zio colpendolo al volto e al torace.

L’uomo ferito è stato trasportato al Policlinico di Roma Tor Vergata e dimesso con 20 giorni di prognosi ma nei prossimi giorni dovrà essere operato. La nipote, invece, è stata condotta presso il carcere di Rebibbia.