ESPERIA  – 24 AGO – Sono morti in un attimo, mentre dormivano; il loro è stato un decesso immediato. Isabella e Mariano sono volati via senza accorgersi di nulla.

Sono i primi elementi che emergono agli esami svolti sulle salme dei due ragazzi. Esami condotti dal medico legale,  Gabriele Margiotta, che ha esaminato anche la salma del papà, Giovanni Paliotta; lui che ha premuto il grilletto prima contro i figli e poi contro se stesso.

Gli accertamenti radiografici hanno evidenziato che i colpi, sparati dalla pistola calibro 9, sono stati esplosi da una distanza ravvicinata.

Su corpi di Isabella, Mariano e del padre Giovanni sono stati prelevati anche dei tessuti. L’esito degli istologici e di laboratorio verrà consegnato alla Procura tra i 60 e di 90 giorni.

Al termine della ricognizione cadaverica è stato concesso il nulla osta dal magistrato inquirente, il dottor Roberto Bulgarini Nomi, per le esequie che si svolgeranno ad Esperia. Ancora non si sa quando però.

Fino a venerdì sera la data dei funerali non era stata fissata. Quel girono, comunque, sarà lutto cittadino.

Intanto le indagini di questa drammatica vicenda vanno avanti per ricostruire il possibile movente. E quello potrà aiutarlo a chiarirlo, la signora Flora; la moglie di Giovanni Paliotta, e madre di Isabella e Mariano, che si trova ancora ricoverata in ospedale a Cassino. Fino a quando gli inquirenti non potranno ascoltarla non si potrà sapere se ci fossero, o meno, tensioni in famiglia.