CASSINO – 12 MAR – Questa mattina il Sottosegretario di Stato con delega agli Interni on. Giampiero Bocci ha comunicato alla Senatrice Maria Spilabotte che sono stati assegnati al comando di Frosinone i primi contingenti di richiami di vigili volontari per superare le criticità del distaccamento di Cassino.

Soddisfazione della Senatrice Maria Spilabotte: “Il sottosegretario Bocci mi ha informata che gli impegni assunti si stanno mantenendo: saranno assegnati quattro vigili discontinui al Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Frosinone che, dopo un breve periodo di addestramento, saranno assegnati successivamente a Cassino. In questo modo, finalmente, potranno essere utilizzate le macchine rimaste gravemente compromesse per la mancanza dei numeri standard, danneggiando così il servizio. Inoltre con la mobilità di giugno e luglio, il personale diventerà effettivo. Ringrazio Bocci in quanto i primi provvedimenti in Italia riguardano proprio Frosinone e Trapani. Una grande conquista di un lavoro iniziato a settembre dello scorso anno, quando fu presentata una mia interrogazione parlamentare (atto n. 4-04488) su segnalazione del coordinatore della CGIL Vigili del Fuoco, Luciano Ianni, che, più volte, insieme agli altri rappresentanti della sigla sindacale, mi ha interpellato su questo argomento. Un impegno preso e portato a termine con successo, grazie anche al lavoro sinergico e alle sollecitazioni del Sindaco di Cassino, Giuseppe Golini Petrarcone, e del Prefetto di Frosinone, S.E. Emilia Zarrilli. Con queste assegnazioni si fronteggia il sovraccarico di lavoro e la conseguente disorganizzazione dovuta a carenze organiche e strutturali, dovute a provvedimenti dei governi precedenti che hanno imposto tagli al personale e diminuzione delle risorse a disposizione. I Vigili del Fuoco di Cassino svolgono un ruolo chiave all’interno del nostro territorio costituito da diversi comuni montani che ogni anno durante l’estate subiscono incendi per lo più dolosi, inoltre nel cassinate insistono diversi insediamenti industriali e l’Abbazia di Montecassino”.