Pontecorvo – Inchiesta Monatti: condanne per 18 anni

PONTECORVO – 11 DIC – Si chiude con condanne per 18 anni totali il processo di primo grado relativo all’inchiesta “I Monatti”, quella in cui i carabinieri della compagnia di Cassino misero a segno sei arresti, tra la città martire e Pontecorvo su un presunto giro di prestiti a strozzo.

L’accusa nella requisitoria aveva richiesto condanne totali per 38 anni.

Maurizio Sardelli 58enne di Pontecorvo è stato condannato a tre anni di reclusione, il figlio Giuseppe a cinque anni e sei mesi, Massimo Morra 60enne di Cassino a sei anni, Gerardo Bottiglieri e Gianluca Russo, 40enne e 43enne di Cassino a due anni, mentre Silvana Spada è stata assolta.

La sentenza è stata pronunciata nella tarda mattinata dal Giudice Donatella Perna. Un processo durato poco meno di un anno, in cui sono state ripercorse tutte le tappe dell’indagine.

Secondo l’accusa ad agire c’era un gruppo piramidale, guidato da Maurizio Sardelli, in cui ognuno aveva un compito ben preciso.

Il pool difensivo degli imputati aveva chiesto le assoluzioni per tutti, ma il collegio ha ravvisato la sussistenza dei reati sentenziando le condanne per tutti, tranne che per la Spada.