LATINA – 28 FEB – Domenica, alle 18, il Latina ospita al PalaBianchini la Revivre Milano. Si gioca la 21ma giornata della SuperLega UnipolSai, l’ottava del girone di ritorno.
Spazio alla solidarietà, la SuperLega scende in campo sostenendo per il secondo weekend consecutivo la campagna di raccolta fondi “Se non ci fosse… io non ci sarei” attivata dalla Comunità di San Patrignano che cercherà di reperire risorse tramite il numero solidale 45508 per ristrutturare un edificio abitativo da cui saranno ricavati nuovi spazi comodi e funzionali. Annunci fonici e visibilità sui rotori pubblicitari posti a bordo campo daranno voce a questa iniziativa. Inoltre, in occasione dell’edizione 2015 della Giornata delle Malattie Rare dal tema “Vivere con una malattia rara giorno per giorno, mano nella mano”, oltre a sensibilizzare il pubblico tramite un annuncio fonico prima del fischio di inizio, tutti i palasport di Serie A metteranno a disposizione opuscoli informativi e gadget dedicati alla manifestazione, per aiutare ad aumentare la consapevolezza sulle malattie rare e su quale è il loro impatto nella vita di chi ne è colpito.
Quella della formazione pontina con la Revivre sarà una gara delicata, in un campionato come quello italiano dove non ci sono gare “facili”. Milano è il fanalino di coda della classifica con tre gare vinte al tiebreak, con Città di Castello e in trasferta a Padova e Monza, e con i set strappati sui difficili campi di Perugia, Piacenza e Macerata, dimostrando di essere una formazione coriacea da non prendere sottogamba. La guida tecnica è stata affidata per il terzo anno consecutivo a Marco Maranesi che ha confermato solo quattro pedine rispetto alla scorsa stagione in A2: Damiano Valsecchi, Andrea Cerbo e la diagonale composta da Milan Bencz e dall’ex Giordano Mattera. Ha inserito un altro ex, Stefano Patriarca, oltre che a Marco Rizzo e Giorgio De Togni e una sfilza di stranieri: il colombiano Willian Bermudez, lo statunitense Joseph Kauliakamoa, i brasiliani Bruno Temponi e Vinicius, l’ungherese Peter Veres e l’olandese Robert Horstink. Il tecnico lombardo nell’ultima gara dove ha portato Padova al tiebreak ha utilizzato le diagonali Mattera-Bencz, Patriarca-De Togni, Vinicius (Preti)-Veres con Rizzo libero.
In casa pontina c’è la consapevolezza che ogni gara della SuperLega va giocata in maniera ottimale se si vuole portare a casa l’intera posta in palio. Come è stato fatto all’andata dove si è andato a vincere in tre set sul campo di Desio. Inoltre si vuole tornare a vincere dopo le due difficili sfide con Verona e Trento, per riprendere un cammino di risalita in vista dei playoff. Le ultime prestazioni hanno dato la consapevolezza alla formazione di Blengini di essere una squadra in continua crescita.
Gianlorenzo Blengini continua gara dopo gara ad alternare i suoi uomini, anche se nelle ultime gare ha puntato su Sottile in regia e Starovic opposto, Semenzato e van de Voorde al centro, Skrimov e Urnaut di banda con Manià e Tailli che si alternano nel ruolo di libero, con tutti gli altri pronti ad entrare.
Un solo precedente tra le due squadre, quello dell’andata con la vittoria di Latina 0-3. Due ex in campo i già citati Stefano Patriarca a Latina nel 2012-13 e Giordano Mattera 2006-07 e 2007.