LATINA – 23 MAR – Si presenta sotto casa del cognato per vedere le proprie figlie ma quando si allontana con una delle bambine ne nasce un litigo furibondo sfociato in un’aggressione.

E’ l’accusa a carico di un 36enne per il quale è stato disposto l’allontanamento urgente dalla casa familiare. Il fatto è accaduto nei pressi di piazza Aldo Moro a Latina.

Giunti sul posto dopo una segnalazione gli agenti della Questura hanno raccolto la testimonianza della vittima, un 30enne rumeno: quest’ultimo ha riferito agli agenti che pochi istanti prima aveva avuto una discussione ed era stato aggredito dal marito di sua sorella.

La donna era ospite del fratello con le sue due figlie minori in seguito a dissidi ed ai comportamenti aggressivi messi in atto, secondo le accuse, dal marito.

Secondo quanto ricostruito dagli agenti il 36enne si è recato presso l’abitazione del cognato per vedere le proprie figlie come da accordi: ma lo stesso, dopo aver preso in braccio una delle due bambine, si è allontanato verso la propria auto.

Ne è nata un’accesa discussione nella quale è intervenuto il cognato, poi aggredito dal 36enne con spintoni e ginocchiate: anche la donna è stata spintonata ed allontanata con violenza dall’uomo. Nonostante l’aggressione subita entrambi hanno rifiutato l’intervento del 118. Gli stessi, però, si sono presentati in Questura per sporgere denuncia.

La donna ha riferito che le minacce, gli scatti d’ira, le percosse e le violenze, si protraevano già da tempo, e che a causa dei continui soprusi posti in essere dal 36enne viveva in uno stato di soggezione.