LATINA – 19 NOV – Il blitz anticaporalato da parte degli agenti della Questura di Latina è scattato all’alba di martedì all’interno di una azienda agricola lungo la Migliara 43. L’operazione è stata svolta sotto il coordinamento della Procura del capoluogo pontino.

In particolare è stata controllata un’azienda orto-floro vivaistica ubicata nel capoluogo pontino.

La zona è stata circondata da circa 50 poliziotti che si sono addentrati nei campi e nelle serre di coltivazione.

Nella circostanza, insieme ad alcuni italiani, sono stati portati in Questura 84 braccianti agricoli, di origine indiana e magrebina, che stavano lavorando presso le serre in precarie condizioni di sicurezza, in assenza  – secondo le ipotesi degli inquirenti – di qualsiasi tipo di dispositivo di protezione individuale.

Per ognuno di loro è stata attentamente vagliata la posizione sul territorio nazionale, risultata regolare per tutti.

E’ tuttora in corso, però, la valutazione della loro posizione lavorativa e del rispetto delle prescritte misure di protezione.

Gli accertamenti svolti finora hanno consentito – stando a quanto ricostruito dalla Polizia –  di individuare responsabilità penali a carico dei titolari dell’azienda e di alcuni soggetti addetti al trasporto e al controllo dei lavoratori. Il tutto è al vaglio della locale Autorità giudiziaria.