CASSINO  – 26 GIU – Non è il far west ma un avvertimento: è quanto ipotizzato dai carabinieri sulla vicenda che vede di nuovo protagonista un 25enne di Cassino che 10 giorni fa incendio’ l’auto di un rom.

In base alla ricostruzione degli uomini del Capitano Ivan Matromanno, il 25enne stava rientrando a casa con la sua fidanzata quando un uomo si è fermato davanti alla sua auto ed ha sparato un colpo di pistola in aria per poi fuggire via.

E’ accaduto nella notte a Cassino nel quartiere San Bartolomeo, in Via Pertini.

Lo sparo è stato sentito dai residenti e la paura è stata tanta. Sul posto sono arrivati i carabinieri della compagnia di Cassino per cercare di far luce su quanto accaduto.

I militari ipotizzano un atto intimidatorio, un avvertimento, visto che il giovane  in questione, 10 giorni fa ha bruciato l’auto di un rom di Cassino e per questo arrestato.

Di nuovo in libertà e avendo paura di una ritorsione è stato proprio il cassinate a chiamare il 112, sentendosi il bersaglio di quel gesto.

Tuttavia ha dichiarato di non conoscere l’uomo che ha sparato in aria per poi dileguarsi. I testimoni ovvero residenti del quartiere parlano di più colpi sparati ma al momento i carabinieri hanno trovato solo un bossolo partito da una scacciacani. Le indagini dei militari proseguono senza sosta per risalire all’autore del gesto e capire i motivi di quanto accaduto.