La condanna per cinque persone è diventata definitiva giovedì in tarda serata: la cassazione ha confermato la sentenza di secondo grado a carico degli imputati per la violenza sessuale di  gruppo che si è consumata nella notte tra il 3 ed il 4 settembre del 2016 a Ferentino, in una villa confiscata. Alla luce di questo i carabinieri della compagnia di Frosinone, coordinati dal maggiore Branchinelli, hanno portato in carcere tre dei condannati. Si tratta di tre giovani del capoluogo, di 29, 30 e 35 anni. I tre, insieme ad altri 4, erano stati arrestati lo scorso 19 dicembre 2016 dai carabinieri delle Compagnie di Anagni e Frosinone, nel corso dell’operazione denominata “Le Iene”. Uno di loro è stato assolto in appello, un altro è ancora sotto processo.

La vittima della violenza è una giovane di un comune vicino al capoluogo. Secondo la ricostruzione emersa durante il processo, la ragazza venne attirata da uno del gruppo, conosciuto su internet, con cui era già uscita. Quella sera però venne portata nella villa e violentata a turno. Per quei fatti ora i tre ragazzi devono scontare una pena che va dai cinque anni e otto mesi ai cinque anni e 4 mesi. Sono stati quindi prelevati dai carabinieri della stazione di Frosinone e Frosinone Scalo ed accompagnati nel carcere di via Cerreto.