FROSINONE – 28 LUG – Aggredito sabato sera a Frosinone perché indossava una maglietta amaranto del Cinema America durante lo Zaiet Fest, evento benefico per raccogliere fondi contro la leucemia.

E’ quanto raccontato da Francesco, 33 anni: fa il ricercatore universitario in biofisica.

Secondo quanto riferito dallo stesso ragazzo il 33enne è stato prima minacciato nei bagni, poi inseguito e picchiato da tre aggressori che sono stati definiti di “estrema destra”. I tre oltre ad avergli strappato la maglia gli hanno rotto gli occhiali che indossava. E le foto comparse sul web in queste ore ne danno conto.

Questo il racconto di quanto avvenuto sabato sera. Al momento non risultano denunce presentate alle forze dell’ordine.

La Vicenda, però, ha fatto ben presto il giro dei social e non sono mancate le reazioni e gli attestati di solidarietà verso il 33enne.

Sulla pagina facebook dell’associazione i Ragazzi del Cinema America è netta la condanna per il gesto; tutta la nostra solidarietà a Francesco – si legge – nessun passo indietro.

Duro anche il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, che con un post su facebook attacca Salvini scrivendo: Smettiamola con un ministro che Diffonde odio, vengano subito arrestati gli aggressori. Solidarietà al 33enne anche dal presidente del Consiglio Regionale del Lazio, Mauro Buschini. Bruno Astorre, segretario generale del Pd, parla  di un’intimidazione fascista.

Condanna anche del circolo  Pd di Frosinone che fa appello al Prefetto e alle Forze di Polizia.

L’episodio avvenuto a Frosinone segue quelli che si erano verificati a giungo Roma con alcuni ragazzi con le magliette del Cinema America aggrediti