ROCCASECCA – 09 OTT – Giravano per i negozi della città facendo acquisti con soldi falsi, ma non sono riusciti ad ingannare una commerciante che ha subito chiamato il 112.

E’ successo a Roccasecca dove i carabinieri della stazione locale insieme ai colleghi di Aquino hanno arrestato, in flagranza di reato, due campani – un 46enne e un 41enne – per aver effettuato acquisti in diversi negozi di Roccasecca con banconote false.

Nel dettaglio, uno dei due aveva tentato di acquistare una tutina ed una confezione di tintura per capelli con una banconota di 100 euro, ma la commerciante, insospettita, con la scusa di non avere il resto ha fatto saltare l’acquisto e poi ha subito chiamato il 112. A questo punto sono partite le ricerche dei carabinieri che hanno rintracciato i due in un altro negozio di Roccasecca. I due prima chiedevano di pagare con la Postepay ma, una volta che la transazione non andava a buon fine, visto che non c’era credito nella carta, chiedevano di pagare con banconote da 100 e 50 euro.

Durante la perquisizione dell’auto dei due campani, i carabinieri hanno trovato diversi scontrini, tra cui quelli di mancati pagamenti della Postepay. Scontrini che hanno permesso ai militari di individuare altri due negozi di Roccasecca, una macelleria ed un tabacchino, dove i due avevano acquistato della carne e delle sigarette, merce poi restituita ai proprietari.

Oltre alle manette, per i due truffatori è scattato anche il foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno dal comune di Roccasecca. In totale sono state recuperate 3 banconote false, da 100 euro e 50 euro.