Il suo cadavere era stato ritrovato lo scorso 10 ottobre alla foce del Garigliano, all’altezza di Sessa Aurunca. Dopo le indagini dei carabinieri della locale compagnia, quella donna è stata identificata: sono state diffuse le foto dei suoi indumenti, della sua fede, sono stati fatti diversi accertamenti. Ora, dopo circa un mese e mezzo, quel corpo ha un nome.

Si tratta di Verginica Vinatoru, nata in romania nel 1968. I carabinieri chiedono però ancora l’aiuto dei cittadini: chiunque la conoscesse o avesse altre notizie in merito è pregato di contattare i carabinieri.