VICO NEL LAZIO – 24 APR – Mesi di inferno nella casa di cui era il capo famiglia, botte, insulti e minacce che alla fine lo hanno spinto ad andare via e a denunciare tutto ai carabinieri. La vittima è un uomo di 58 anni di Vico nel Lazio che nei mesi scorsi si è recato nella caserma dei carabinieri per denunciare ciò che stava vivendo a causa degli atteggiamenti della moglie e del figlio.

     E le indagini dei carabinieri hanno portato a dei riscontri che nella mattinata di mercoledì hanno fatto scattare due denunce. A finire nei guai l’ex moglie 60enne dell’uomo ed il figlio di 23 anni, quest’ultimo già noto alle forze dell’ordine per lesioni, atti persecutori, stupefacenti ed ingiuria. Secondo le accuse dei carabinieri i due sono i responsabili delle violenze subite dal 58enne e sono stati denunciati per maltrattamenti in famiglia.

     La ricostruzione dei carabinieri è la seguente: i due dal settembre del 2017, in tempi diversi, avrebbero maltrattato, insultato, minacciato ed aggredito fisicamente l’uomo, padre ed ex marito dei due denunciati. Violenze e minacce che sono proseguite anche una volta che l’uomo, stanco di quella vita, aveva deciso di abbandonare la casa familiare.